LONG KESH. I LEALISTI: “NO AD UN SANTUARIO DELL’IRA”

The Five Demands

“Perché preservare un luogo in cui terroristi scontarono le loro sentenze e morirono detenuti in sciopero della fame?” È la provocatoria domanda di un gruppo di manifestanti lealisti, tra i quali Willie Frazer e Jim Allister, leader del TUV

Un “Centro per la Risoluzione del Conflitto” è da qualche tempo la proposta più accreditata per il sito dove sorgeva il famigerato campo di concentramento di Long Kesh (Maze); ma il mondo Unionista ha ancora una volta ribadito la sua netta opposizione.

Giovedì sera, centinaia di lealisti si sono riuniti in manifestazione per chiedere a gran voce che ciò che resta degli H-Blocks e soprattutto dell’ala ospedaliera dove morirono i dieci hunger strikers non sia preservato e integrato, come previsto, nella nuova struttura: “Anche se non è inteso come un santuario dei terroristi, diverrà tale per i Repubblicani che vi andranno in visita”, è l’argomentazione più caldamente sostenuta.

Peter Robinson ha…

View original post 737 more words

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s